01-slide piccola

Foto Giano

GIANO introduce un nuovo concetto di pubblica illuminazione, che trasforma il lampione da semplice elemento illuminotecnico e di arredo urbano in una potente stazione multifunzione, che offre servizi anche in ambito Smart City e Smart Metering, sfruttando in modo intelligente la capillare diffusione delle lampade pubbliche per creare l’infrastruttura di quella rete che rende una città “smart”.

È chiaro quindi che si può parlare di GIANO non solo come un apparecchio LED ad alta efficienza ma anche come un sistema multiservizio che integra le caratteristiche innovative del corpo illuminante, dell’alimentatore elettronico Dibadi e dei dispositivi della famiglia SLIN® (Smart LIghting Network), tutti prodotti ideati, sviluppati e realizzati da Menowatt Ge.

pdfSCHEDA TECNICA DETTAGLIATA GIANO

Frasso Telesino meridio di notteNella foto è ritratto uno dei primi Meridio© installati dopo l'avvenuto inizio lavori

Foto Meridio
Meridio rappresenta un nuovo concetto di illuminazione stradale perchè trasforma il punto luce da semplice elemento illuminotecnico e di arredo urbano in una potente stazione multifunzione che svolge anche funzionalità in ambito Smart City e Smart Meetering.

MERIDIO coniuga contemporaneamente:

EFFICIENZA ENERGETICA
SMART CITY
SMART METERING

#ilfuturoaportatadimano

 pdfScarica scheda tecnica dettagliata Meridio

pdfFicha técnica estensa Meridio

andrea bonfanti sindaco 6 pescaglialu

Pubblica illuminazione a led e pannelli fotovoltaici nelle scuole, Legambiente premia Pescaglia

Il sindaco Bonfanti: “Opere fortemente volute per dare un’impronta moderna al nostro territorio mettendo al centro il risparmio energetico e l’attenzione all’ambiente”

Pescaglia è uno dei tre Comuni in Toscana, assieme a Capalbio e a Montecatini Val di Cecina, che domani, venerdì 9 marzo, nella tappa di Grosseto del Treno Verde, sarà premiato da Legambiente per gli interventi sulla sostenibilità ambientale. L’associazione ambientalista, infatti, ha promosso la nuova illuminazione a led di Pescaglia e l’utilizzo delle energie rinnovabili nelle due scuole secondarie del territorio definendo le due opere “progetti innovativi sostenibili intrapresi nel campo dell’eco-compatibilità ambientale e riqualificazione energetica”.

Il sindaco Andrea Bonfanti esprime soddisfazione. “Si tratta di un riconoscimento a livello nazionale molto importante ed è eccezionale che vada ad un Comune delle nostre dimensioni e risorse finanziarie – sottolinea il primo cittadino – Abbiamo fortemente voluto le due opere per dare un’impronta moderna al nostro territorio mettendo al centro il risparmio energetico e l’attenzione all’ambiente. La sfida che siamo chiamati ad affrontare in quest’epoca è quella di ridurre l’impatto sulle risorse limitate della terra evitando gli sprechi e utilizzando le energie rinnovabili. I due interventi centrano questo obiettivo incrementando fra l’altro la qualità del servizio. C’è anche un valore aggiunto in questi due progetti, ossia che sono stati praticamente a costo zero per i cittadini. Siamo quindi contenti e orgogliosi di questo riconoscimento da parte di un’associazione storica del nostro Paese, che da 40 anni opera in favore dell’ambientalismo”.

A Pescaglia tutti i 900 punti luce, dotati di lampade di vecchia concezione ed energivore, sono stati sostituiti con lampade a led a basso consumo energetico. Inoltre è migliorata la sicurezza stradale perché il fascio luminoso consente meglio di distinguere gli oggetti. Il valore dell’intervento si aggira su un milione e 100 mila euro ma è a costo zero per il Comune, visto che l’opera è istata nteramente a carico di Menowatt Ge, cui l’Ente ha affidato per 13 anni il servizio di pubblica illuminazione.

Nelle scuole secondarie di Pescaglia e San Martino in Freddana sono stati installati pannelli fotovolatici.  Inoltre sono state collocate pompe di calore per la produzione di aria calda e sono stati sostituiti i corpi illuminanti di vecchio stampo con quelli nuovi a led. Attraverso il Fondo Kyoto messo a disposizione dal Ministero dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare, l’amministrazione comunale ha potuto accedere a un finanziamento a tasso zero di 260 mila euro. L’intervento si autofinanzia con il risparmio energetico certificato e sarà generato un utile che sarà investito nel realizzare ulteriori lavori nelle scuole del territorio.

URL: Comunicato Stampa Comune di Pescaglia

pdfTra led e fotovoltaico Pescaglia è ecologica

pdfPescaglia, borgo «ambientalista». Ecco il premio di Legambiente 

GIARDINI NAXOS 1Dopo un anno si fanno i primi calcoli

GIARDINI NAXOS – Sistema Dibawatt fa risparmiare sui costi della pubblica illuminazione

Il Sistema Dibawatt installato sull’impianto di illuminazione pubblica del Comune ha compiuto un anno. A fare un bilancio sui risultati e sui risparmi ottenuti nei dodici mesi è il Vicesindaco Carmelo Giardina, assessore alle Politiche Energetiche il quale dice: “Il sistema Dibawatt, ad un anno dall’installazione sull’impianto dell’ illuminazione pubblica, ha prodotto un consistente risparmio economico alla cassa del Comune di Giardini Naxos.  Siamo lieti di comunicare alla cittadinanza che, in esito al controllo effettuato sui consumi dell’energia elettrica dell’impianto di illuminazione pubblica da marzo 2016 (data di completamento dell’impianto Dibawatt) a marzo 2017, si è rilevato un considerevole risparmio sui consumi e sui costi della pubblica illuminazione, in aderenza a quanto dichiarato nel 2015, durante la prima fase dei lavori. Come affermato dall’ufficio ragioneria, in esito alla verifica annuale effettuata sulle bollette prima (da marzo 2013 a marzo 2014) e dopo l’intervento Dibawatt, il consumo dell’energia si è ridotto di un valore pari a KWh 209.268, che tradotto in termini economici vale euro 131.623,21. I’importante risparmio sul consumo e sui costi si è ottenuto principalmente grazie all’uso di una nuova tecnologia, e senza alcun investimento da parte del Comune, installando su 1.748 pali dell’illuminazione pubblica un innovativo alimentatore elettronico (Dibawatt). Del risparmio annuo conseguito in bolletta, una parte verrà impiegato, per cinque anni, quale soluzione di finanziamento leasing, mentre la parte restante confluirà nelle casse comunali. Dopo i cinque anni di leasing, tutto il risparmio sarà a totale appannaggio del Comune, quindi l’investimento si pagherà in cinque anni esclusivamente col risparmio in bolletta. Siamo soddisfatti di questo investimento, il cui merito principale va al dirigente pro tempore dell’UTC che ha iniziato il progetto. Inoltre, desideriamo portare a conoscenza che tale soluzione, stiamo generando un contributo fattivo alle politiche ambientali (risparmio di tonnellate di CO2) e notevoli benefici immediati e duraturi sul bilancio comunale (con minori impegni sulla voce di spesa corrente per circa 15 anni).”  (Com. stampa) pdfGIARDINI_NAXOS_Sistema_Dibawatt_fa_risparmio

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso di cookie Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui .

  Accetto i Cookies da questo sito.